I facilitatori

a sostegno della pratica e della prima formazione nelle Zone e nelle Reti
Il consolidamento delle sei Zone già avviate e il sostegno alle neonate Reti tra scuole di zona, ha fatto emergere come fondamentale per lo sviluppo del progetto la figura del “facilitatore”, ossia un insegnante che ha maturato, nel corso degli anni, una significativa esperienza nella conoscenza e applicazione del Cooperative Learning.

La figura del facilitatore è stata introdotta a sostegno del singolo insegnante che, dopo la frequenza dei corsi, poteva trovarsi isolato nella propria scuola nell’uso del cooperative learning.
Ma non basta offrire ai colleghi nuovi paradigmi e tecniche più o meno efficaci per migliorare il loro insegnamento, occorre studiare e proporre soluzioni ai problemi che quotidianamente vengono alla luce nell’attività didattica. Occorre contestualmente creare l'ambiente favorevole e introdurre le nuove tecniche di insegnamento.

Il facilitatore deve saper incentivare i colleghi a riflessioni su didattica e apprendimento, riaffermando la centralità dell'istituzione scolastica nella società. Non è sufficiente interessare i ragazzi ai contenuti, ma occorre anche far loro apprendere le abilità di pensiero e, soprattutto, maturare competenze significative. Questa visione è importante che venga affermata esplicitamente nei POF, che venga effettivamente affrontata nei Piani di Lavoro dei Consigli di Classe e in quelli dei singoli insegnanti
Il facilitatore cura di sostenere e incentivare questa pratica progettuale di un insegnamento più attuale e significativo, fornendo esempi di progettazione, proponendo piani di lavoro, modelli di valutazione autentica, riflessione didattica..


Per questi insegnanti si è strutturata una formazione ad hoc dove il contenuto è “come condurre la supervisione secondo le modalità dell’apprendimento cooperativo”.
La formazione mira a consolidare pratiche di supervisione, ma nello stesso tempo a fornire elementi per la gestione della relazione di aiuto, così come ad approfondire gli elementi dell’apprendimento cooperativo applicato.

Sono previste 3 giornate di formazione generale nel corso dell’anno (sia per i facilitatori esistenti, sia per quelli che eventualmente dovessero aggiungersi “ex novo”).
La formazione dei facilitatori è a cura di Piergiuseppe Ellerani, università di Urbino, formatore di Scintille.it

La prima giornata, per tutti (facilitatori nuovi e no) è stata organizzata per il giorno:

29 settembre presso il Ce.Se.Di. (via G. Ferrari 1 Torino) con orario 9-18


delle altre date verrà data comunicazione tramite il portale www.apprendimentocooperativo.it.








credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer