Due emisferi più intelligenze (articolo La Stampa 18/7/07)

Howard Gardner

Tante sensibilità mescolate per ragioni genetiche e ambientali

di Howard Gardner, Harward  University, Bston University

Per un secolo in psicologia ha predominato la concezione delle intelligenza come un tutt' uno, una singola capacità o un singolo tratto potenziale chiamato "G", ovvero intelligenza generale - che si eredita ed è misurabile con un test.

Io contesto questa impostazione: le conoscenze ricavate da genetica, neurologia, psicologia, antropologia e dallo studio delle differenze individuali, sostengono piuttosto la teoria delle intelligenze multiple.
Secondo questa teoria, gli individui possiedono un insieme  di capacità indipendenti: tra queste, la linguistica e la logico-matematica, misurabili con le classiche prove di intelligenza. Ma la lista comprende le intelligenze spaziali, musicali e corporeo-cinestetiche  oltre a quella naturalistica, interpersonale e intrapersonale.
Gli esseri umani possiedono ciascuna di  queste intelligenze, ma in ognuno sono mescolate (e si sviluppano) in misura differente per ragioni genetiche e di cultura, senza dimenticare l'influenza della famiglia.
Insomma è impossibile valutare le intelligenze con un test rapido. Le prove migliori sono quelle che testano un'intelligenza specifica: mettere un individuo in condizioni di trovare la strada in un territorio sconosciuto, per esempio, può aiutare a valutare  quella spaziale.
Chiedergli di dirimere una questione serve per valutare quella interpersonale.

Ma la teoria delle intelligenze multiple non piace alla psicologia, scienza legata ai test rapidi. Viceversa, si accorda bene con le più recenti conoscenze neurologiche e non è in contrasto con i lavori dei biologi.
Piace anche al mondo del business, specie grazie agli studi di Daniel Goleman sull'intelligenza emozionale e sociale.

Articolo uscito su "La Stampa" del 18 luglio 2007


per saperne di più  

- Il vero, il bello, il bene: le basi dell'educazione di tutti gli esseri umani (Introduzione di John Brockman)
- II movimento di riforma della scuola
-
Le sette fasi nella comprensione dell'intelligenza
-
Un importante contributo al dibattito sulla riforma della scuola


credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer