Cooperazione didattica per l'ed. scientifica in diversi ordini di scuola (10 gennaio 2012)

PROSSIMO INCONTRO 10 GENNAIO 2012

 a cura di Marco Falasca, membro del G.I.S., facilitatore della zona di Grugliasco e responsabile per l'Italia settentrionale del progetto nazionale "Parole della scienza"

 

Destinatari: docenti di area scientifica di istituti scolastici di ogni ordine e grado e istituzioni formative


Programma del 10 GENNAIO 2012

Nuova presentazione , all'inizio dell'incontro, con commenti, dell'esperimento "tre fori in bottiglia" a cura di Annalisa Gratteri;

  • "Come usiamo la LIM", a cura di Annamaria Vallory e Rosanna Montrucchio. Tutte le scuole hanno aule con la LIM. ma come rendere questo strumento didattico efficace ed interessante per i ragazzi?
  • La pedagogia dell'improvvisazione a cura di Enrica Miglioni
  • Un esperimento con il poliacrilato di sodio, adatto a tutti gli ordini di scuole a cura di Marco Falasca 
  • Riflessioni e proposte, sull'esperienza dell volta scorsa : "Ecosistemi"
  • Materiali dell'INDIRE in rete
Resoconto ultimo incontro del 24 novembre 2011
  • Per la comprensione degli ecosistemi. Attività teorico-pratica applicabile con le classi. Importante per l'aggiornamento, in ogni ordine di scuola.
    A cura di Marco Falasca
Il rendersi conto delle relazioni causa effetto non semplicistiche agevola la comprensione del concetto di ecosistema e di altri importanti concetti scientifici. Tali idee di causalità, decisamente praticabili in una didattica innovativa, sono state individuate da E. Morin e dal gruppo di studio di Howard Gardner e David Perkins (ricerche del Progetto Zero – Università di Harvard)
  •  Sulla natura della Scienza: un' attività investigativa sperimentale realizzata con gli studenti di scuola superiore .
    A cura di Annalisa Gratteri
  •  Riflessioni sulla pedagogia dell'improvvisazione
    A cura di Enrica Miglioli
  •  Quali attrezzature servono in un laboratorio di scienze della scuola di base? Seconda puntata
  •  Un esperimento semplice e singolare sull'attrito , praticabile dall'infanzia alle superiori.
    A cura di Marco Falasca
  •  La quinta conferenza internazionale sulle mappe concettuali (settembre 2012). Dove si possono trovare articoli, saggi, esperienze?
    A cura di Marco Falasca

 


 

"Insegnare e imparare Scienze si può!"(Paolo Guidoni)

 

Il Laboratorio Didattico propone la continuazione del lavoro svolto negli ultimi anni, nell'ottica della continuità verticale e della ricerca-azione, da un gruppo di docenti dell'area scientifica di tutti gli ordini di scuola. Tale lavoro è incentrato sull'inter-azione diretta tra colleghi ed è aperto ai docenti che vogliono arricchire il gruppo con i propri contributi.

Il Laboratorio si basa su un'idea di fondo: l'apprendimento è facilitato se i contenuti vengono proposti in un contesto di senso, cioè in attività laboratoriali e di problem solving.

Gli studenti hanno bisogno di investigare la realtà per costruire le competenze scientifiche, risolvendo problemi teorici e sperimentali. In certi momenti devono saper lavorare da soli, in altri devono saper cooperare e confrontarsi in gruppo.

L'iniziativa è coerente con le "Indicazioni nazionali per il curricolo", nelle quali si sostiene: "La valorizzazione delle discipline avviene pienamente quando si evitano due rischi. Sul piano culturale, quello della frammentazione dei saperi; sul piano didattico quello della impostazione trasmissiva" (pag.43).

Negli incontri ci si propone di:

  • socializzare, attraverso la discussione e il confronto cooperativo dei docenti partecipanti, alcuni standard organizzati in progressione verticale, dall'infanzia al biennio superiore. Tali standard tengono conto delle indicazioni per il curricolo e hanno alla base l'individuazione di comprensioni durevoli e di domande guida essenziali;
  • tradurre in percorsi didattici operativi le riflessioni sugli standard, con attività pratiche che inducono riflessione e pensiero critico:

1. esperimenti scientifici concettuali che creano conflitto cognitivo;

2. esperimenti spettacolari che destano stupore e desiderio di indagare;

3. problem solving sperimentali e teorici;

4. rubriche di valutazione.

Gli insegnanti partecipanti condurranno sperimentazioni didattiche nelle proprie classi e presenteranno i lavori in gruppi cooperativi, in modo da socializzare le esperienze ed avere il feedback dei colleghi.

Date:Il Laboratorio si articola in nove incontri a cadenza mensile, le cui date vengono decise di volta dai partecipanti. Gli incontri sono comunque aperti alla partecipazione anche durante l'anno scolastico.

Il primo incontro si svolgerà il 29 settembre 2011
Programma della prima giornata:

- Attività di "contatto" con le colleghe nuove del gruppo : struttura "corners"

- La collaborazione tra docenti: le "muffe", a cura di Enrica Miglioli

- La creatività, dal teatro alle scienze . Una questione da affrontare. Come coltivarla? Marco (cenni o prima parte)

- Maria Luisa A. : Numeri Primi - UdA con rubriche ( una delle tre UdA che ML socializzerà, una per incontro )

- Esperimento con perline bianche che diventano di svariati colori, se esposte alla luce solare diretta , o messe sotto una lampada a ultravioletti (Marco)

- La comunicazione strumentale: una modalità per evitare le tradizionali domande con risposte a scelta multipla (solo se c'è tempo)

- Il calendario dei prossimi incontri

 

Programma Secondo incontro 

  • Un esperimento divertente : " Il pesciolino magico e i suoi curiosi comportamenti."
    E' affascinante in particolare per i bambini dell'infanzia e della primaria, in realtà interessante per tutti. Come avviene il fenomeno, perché?
    A cura di Marco Falasca e degli studenti del Portale di Ed. scientifica del Majorana di Grugliasco
  • Esperimento a sorpresa
    A cura di Annamaria Vallory e Rosanna Montrucchio
  • Esperimenti sull'elettromagnetismo.
    A cura di Annamaria Vallory e Rosanna Montrucchio
  • "La fotosintesi" . Riflessioni e revisione
    A cura di Loredana Ferro
    La pedagogia dell'improvvisazione
    A cura di Enrica Miglioli
  • "Gli emisferi di Magdeburgo" : un esperimento, realizzato con materiali di uso domestico.
    A cura di Marco Falasca e degli studenti del Portale di Ed. scientifica del Majorana di Grugliasco
Sede: Ce.Se.Di. (via G. Ferrari 1 - Torino) Orario: 14.30 " 18.00.
ADESIONI
Le adesioni dovranno pervenire al più presto tramite apposito modulo allegato a fondo pagina (inviarlo tramite fax 011-861.3600) o via mail.
Le domande saranno accolte sino al limite dei posti disponibili
 
REFERENTE
Rachele LENTINI
tel: 011.861.3602 - fax: 011.861.3600

mail    

modulo di adesione - [26112 bytes]

credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - Web Agency Torino Customizer